“Dobbiamo tutti fare meglio”: i leader del real estate contro le discriminazioni

Non solo Columbus International. Si aggiungono Compass, the Wing e WeWork alle compagnie schierate in difesa dei diritti civili e contro le discriminazioni razziali.

Mentre in tutti gli Stati Uniti il nome di George Floyd, l’afroamericano ucciso nel corso di un controllo della polizia, rappresenta non soltanto un simbolo di rivolta per la comunità black ma una presa di coscienza di portata mondiale, i leader del mercato immobiliare – un campo spesso esposto a critiche per la mancanza di diversità – ragionano su come cambiare il sistema.
Alcuni donano fondi ad istituzioni private e no-profit, altri aderiscono a marce pacifiche e prendono parte al movimento Black Lives Matter.

Compass si è dedicata ad una campagna di beneficenza con Equal Justice Initiative e NAACP, nel tentativo di raccogliere sovvenzioni. L’amministratore delegato Robert Reffkin, ha condiviso pubblicamente la sua esperienza personale – “Essendo un black man mi sono visto in passato fermato dalla polizia senza motivo, rigettato dall’ufficio delle tasse e isolato in ambiente lavorativo” – e la voglia di costruire un team di fotografi e designer di diverse etnie, ampliando il più possibile il campo delle opportunità lavorative.

The Wing, una startup orientata all’eguaglianza tra sessi, ha fatto una donazione pari a 200,000 dollari per Color of Change, NAACP Legal Defense ed Educational Fund oltre alla Brooklyn Community Bail Fund.

Una società di arte e tecnologia di proprietà di Moishe Mana (imprenditore nel South Florida) ha donato invece 50,000 dollari alla NAACP.

WeWork ha re-diretto 2 milioni di dollari in iniziative dedicate agli afroamericani, stando a un tweet di Marcelo Claure, CEO di SoftBank Group International, che spalleggia finanziariamente WeWork. “Dobbiamo tutti fare meglio” ha scritto Claure, aggiungendo: “Le vite dei neri sono importanti tanto quanto quelle dei bianchi”.

Foto: Moishe Mana, Marcelo Claure, Robert Reffkin, e Audrey Gelman (Credit: Jemal Countess, Aaron Davidson, Jean Baptiste Lacroix, Joshua Lott e Sean Rayford, via Getty Images)

Columbus International

Fonte: The Real Deal